Menu

Milo Manara e l’arte erotica dei disegni profani

I disegni di Milo Manara hanno segnato numerose generazione. La sua arte erotica ha accompagnato i lettori di fumetti di tutta Italia e non solo, ma a cosa si deve questo enorme successo? Perché il tratto del Maestro Manara è tutt’oggi così inconfondibile ed iconico? Scopriamolo insieme in questo articolo a lui dedicato!

Dalla Pittura al Fumetto: evoluzione dei disegni di Milo Manara

L’arte pittorica è sempre stata la vocazione principale di Manara, egli infatti dopo il liceo artistico ha scelto l’accademia veneziana di Architettura, ma fra gli anni 60’-70’ il mondo della pittura in Italia, ha trovato un blocco, una vera e propria crisi causata dai nuovi mezzi di comunicazione (Cinema e Televisione).

Questo ha spinto molti giovani artisti a cercare fortuna in altri ambiti, fortunatamente in quel periodo stava prendendo piede il fumetto erotico per adulti e così è cominciata la carriera del maestro che oggi conosciamo. I disegni di Milo Manara hanno fatto letteralmente scuola in quell’ ambito, ispirando tantissime nuove leve dell’arte contemporanea.

Le pin-up nei disegni di Milo Manara

Icone della matita del Maestro, sono sicuramente le pin-up all’italiana che hanno accompagnato i sogni più nascosti di tanti adolescenti nel corso delle generazioni. I disegni di Milo Manara, dal tratto inconfondibile, hanno dato vita ad alcune delle donne più belle e perfette di cui si abbia memoria, talmente idilliache ed irraggiungibili da risultare per questo irreali, nonostante la perfezione artistica con cui vengono rappresentate.

Le pin-up in fondo sono una forma d’arte che riprende la cultura pop e ne esalta alcuni degli aspetti fondamentali, nate da un movimento artistico chiamato espressionismo astratto. Il maestro ha dunque in fine ritrovato un ambito in cui esercitare la propria vocazione iniziale, la pittura, seppure in forma diversa.

Inutile dire che I disegni erotici, a volte profani e provocatori, di Milo Manara, continuano tutt’oggi ad essere un simbolo di arte e letteratura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *